In questo articolo vedremo come gestire la configurazione di permessi e privilegi sul centralino IP Grandstream serie UCM6100. Permessi e privilegi sono utilizzati per controllare le chiamate sugli interni, gli IVR, le rotte in ingresso e in uscita in modo che il centralino UCM6100 possa gestire le chiamate in sicurezza.

I livello di permessi/privilegi sono quattro:

  1. Interno:  il livello più basso e di default.
  2. Locale
  3. Nazionale
  4. Internazionale: il livello più alto.

Queste opzioni si applicano alla configurazione di interni e IVR sotto la voce “Permessi” e alle rotte in ingresso e uscita sotto la voce “Privilegi”.

Accediamo all’interfaccia web e creiamo una nuova estensione in PBX->Basic/Call Routes->Extensions. Come possiamo notare dall’immagine seguente, nella pagina di creazione troveremo la voce “Permessi”, con un menù a discesa che ci permetterà di scegliere uno dei quattro livelli.

permessi_extension_ucm

 

 

L’opzione dei permessi regola le modalità con le quali l’estensione può effettuare chiamate in uscita. Per poter utilizzare una rotta in uscita all’estensione deve essere assegnato un permesso di livello pari o maggiore al livello di privilegio assegnato alla rotta in uscita.

Andiamo quindi a vedere come gestire i privilegi delle rotte in uscita.

Accediamo all’interfaccia web del centralino Grandstream UCM6100 e andiamo in PBX->Basic/Call Routes->Outbounds Rules. Creando una nuova rotta in uscita ci troveremo a poter scegliere i privilegi della rotta come da immagine seguente.

privilegi_rotte_uscita_ucm

 

 

 

 

Quando viene effettuata una chiamata attraverso questa rotta, il centralino confronterà il permesso associato all’estensione con il privilegio associato alla rotta e permetterà la chiamata solo se l’estensione avrà un livello maggiore o uguale a quello della rotta.

In altre parole quindi una rotta alla quale si assegna il livello di privilegio “Interno” potrà essere utilizzata da tutte le estensioni, se si assegna il livello di privilegio “Locale” potrà essere usato solo dalle estensioni con permesso “Locale” o superiore e così via.

Per quanto riguarda le rotte in ingresso i privilegi si configurano accedendo a PBX->Basic/Call Routes/Inbound Routes, come da immagine seguente.

privilegi_rotte_ingresso_ucm

 

 

Nel caso delle rotte in ingresso,le regole relative ai livelli di privilegio si applicano solo se Default Destination è impostata su By DID (l’IVR è infatti gestito in modo diverso e le altre opzioni possono essere considerate come estensioni interne all’UCM6100).

Quando è presente una chiamata entrante sulla rotta, il centralino Grandstream UCM6100 confronterà il livello di privilegio della rotta in ingresso con il livello di privilegio della rotta in uscita associata tramite il pattern DID. L’UCM permetterà la chiamata solo se il livello di privilegio della rotta in ingresso sarà maggiore o uguale a quello della rotta in uscita associata.

Vediamo infine come vengono gestiti i permessi nel caso degli IVR. Creiamo un nuovo IVR da PBX->Call Features->IVR come da immagine seguente.

permessi_ivr

 

Come si può notare, di default l’opzione Dial Trunk (che permette a un utente che chiama l’IVR di digitare altri numeri per chiamare in uscita) è disabilitata. Allo stesso modo il permesso di default è il più basso possibile e non configurabile.

Se viene abilitata l’opzione Dial Trunk, si potrà accedere alla configurazione del livello di permesso per l’IVR. Ancora una volta la chiamata in uscita dall’IVR verso una rotta di uscita sarà consentita solo se il livello di permesso dell’IVR sarà maggiore o uguale a quello della rotta in uscita.